Circolare di Studio n. 7 del 5 marzo 2019

Contributi dovuti dagli artigiani e commercianti per l’anno 2019 – aliquote, minimali e massimali – necessario reperire on-line i modelli F24 con i minimali.

 

Gentili Clienti, l’Inps ha recentemente [1] aggiornato le aliquote contributive e gli importi dei minimali e massimali di reddito applicabili per il 2019 agli iscritti alla Gestione IVS degli artigiani e commercianti. Rispetto a quanto previsto per il 2018 le aliquote sono aumentate dello 0,45% solo per i collaboratori e coadiutori di età non superiore a 21 anni.

Il reddito minimo annuo su cui verranno calcolati i contributi dell’anno 2019 è pari a € 15.878,00. Il reddito massimo applicabile nel medesimo periodo è pari a € 78.572,00 (importo elevato a € 102.543,00 per i soggetti privi di anzianità contributiva al 31/12/1995).

Si conferma l’obbligo di iscrizione alla gestione IVS ed al versamento dei relativi contributi previdenziali per:

  • gli artigiani ed icommercianti che svolgono l’attività in forma individuale;
  • i  soci di S.n.c. artigiane, commerciali o del terziario  (con esclusione dei soci di capitale che non prestano attività all’interno della società);
  • i   soci accomandatari di S.a.s. artigiane, commerciali o del terziario   , che prestano attività prevalente nell’impresa;
  • i  soci di S.r.l. artigiane, commerciali o del terziario  , che prestano attività prevalente nell’impresa.

Nella tabella seguente sono riepilogate le aliquote IVS applicabili per l’annualità 2019 (la contribuzione è ridotta del 50% per gli iscritti con più di sessantacinque anni di età e già pensionati Inps):

Reddito

 Titolare, Socio e collaboratore con età superiore a 21 anni 

 Collaboratore con età non superiore a 21 anni 

Artigiani

Commerc.

Artigiani

Commerc.

fino a € 47.143,00

24,00%

24,09%

21,45%

21,54%

da € 47.143,00 a € 78.572,00 (o € 102.543,00)*

25,00%

25,09%

22,45%

22,54%

* Per i soggetti privi di anzianità al 31/12/1995.


Modalità e termini di versamento:

Non ci sono variazioni rispetto agli anni precedenti, pertanto i contributi sul reddito minimale vanno versati in quattro rate fisse alle seguenti scadenze:

  • 16/05/2019;
  • 20/08/2019;
  • 18/11/2019 (il 16/11/2019 cade di sabato);
  • 17/02/2020 (il 16/02/2020 cade di domenica);

Sulla base delle aliquote e dei redditi minimali sopra evidenziati gli importi minimi sono pari a:

CONTRIBUTI DA VERSARE SUL REDDITO MINIMO

 

 Titolare, Socio e collaboratore con età superiore a 21 anni 

 Collaboratore con età non superiore a 21 anni 

Artigiani

Commerc.

Artigiani

Commerc.

Contributo sul reddito minimale

3.810,72

3.825,01

3.405,83

3.420,12

Contributo per le prestazioni di maternità

7,44

7,44

7,44

7,44

Totale contributi dovuti

3.818,16

3.832,45

3.413,27

3.427,56


Le quote dovute sul reddito eccedente il minimo saranno determinate e versate in sede di pagamento delle imposte sul reddito delle persone fisiche.

Modelli di versamento e Cassetto previdenziale:

L’Inps non invierà più i modelli F24 relativi ai contributi dovuti sul reddito minimo, come del resto già dal 2013, per  cui ogni contribuente è tenuto a prelevare gli stessi on-line dal proprio cassetto previdenziale, oppure delegando un soggetto intermediario.


Lo Studio rimane a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento.



[1] Circolare Inps n. 25 del 13 febbraio 2019